IL MUSEO È APERTO 10-13 e 15-18 , mercoledi chiuso

 

IL MUSEO RESTERÀ CHIUSO FINO A NUOVA COMUNICAZIONE PER ALLESTIMENTO MOSTRA 

L'apertura della mostra scandinava è prolungata - fino  al 3 novembre 

Questa mostra presenta una selezione di opere di artisti scandinavi ed è concepita come una introduzione al più vasto soggetto degli artisti scandinavi che lavorarono ad Olevano e nei suoi dintorni.  Olevano è stata nel XIX secolo un luogo importante per gli artisti europei e americani che, venuti in Italia e a Roma per studiare e finalizzare la loro formazione, hanno sviluppato nella Città una più profonda ed umana coscienza artistica.

Gli artisti scandinavi viaggiarono molto nel XIX secolo in Italia, e a Roma formarono una società con colleghi scandinavi sviluppando anche strette amicizie con artisti di altri paesi. Viaggiarono in piccoli gruppi nei dintorni di Roma  e, specialmente in estate, a Olevano e dintorni, incontrando altri artisti nella “Serpentara” (“la foresta incantata” di Camille Corot) situata tra Olevano e Civitella, e da lì dipinsero le due città collinari e il paesaggio che offriva motivi in tutte le direzioni. 

 
IL MUSEO È APERTO     dal lunedì alla domenica

10.00-13.00  e   15.00-18.00    mercoledì chiuso

Appuntamenti per una visita:  amolevano@gmail.com   o   338 3877663

 
IL MUSEO È APERTO 10-13 e 15-18 , mercoledi chiuso - Museo Civico d'Arte OLEVANO RM

    DALLA MOSTRA ATTUALE
 - Museo Civico d'Arte OLEVANO RM

 - Museo Civico d'Arte OLEVANO RM

 - Museo Civico d'Arte OLEVANO RM

JOSEPH ANTON KOCH nel 250° anniversario della nascita

JOSEPH ANTON KOCH nel 250° anniversario della nascita - Museo Civico d'Arte OLEVANO RM

Catalogo della mostra nel Museo Civico d’Arte di Olevano

27 luglio - 4 novembre 2018

 JOSEPH ANTON KOCH   nel 250° anniversario della nascita

a cura di   Pier Andrea De Rosa

 

Con testi di  

Umberto Quaresima, Serafino Mampieri, Silvano De Giusti, Valentina Rocchi,

Pier Andrea De Rosa, Marco Lodoli, Jörg Garms, Kira Kofoed, Claudia Nordhoff,

 Alberto Barsi e Domenico Riccardi